Tatuaggi

Origine e tecniche del tatuaggio

La pratica del Tatuaggio è antichissima e veniva effettuata già centinaia di secoli avanti Cristo.

Molte popolazioni antiche, come quelle degli egizi e degli antichi romani, già usavano decorare il corpo in modo permanente e il tatuaggio  poteva avere diverse valenze, da quella di appartenenza ad una determinata tribù, a quella religiosa o sociale.

La tecnica del tatuaggio consiste nella decorazione permanete del corpo umano, attraverso l'incisione e l'iniezione di sostanze coloranti nella pelle, con l'utilizzo di aghi.

Esistono da sempre varie tecniche per effettuare tatuaggi ma attualmente la più diffusa, è quella americana che utilizza una specie di pistola con più aghi all'estremità.

Al giorno d'oggi sempre più persone decidono di farsi un tatuaggio, dai personaggi dello spettacolo, agli sportivi, alle stelle della musica.

Mentre per alcuni il tatuaggio è considerata una vera e propria forma d'arte, e un modo per esprimere la propria personalità o ricordare un evento particolarmente importante spesso, soprattutto gli adolescenti, decidono di tatuarsi come segno di ribellione o semplicemente per seguire la moda.

Per chi si stancasse di avere un tatuaggio per tutta la vita comunque, esistono alcune tecniche per rimuoverlo, quella più diffusa e meno invasiva è sicuramente il laser, ma si può ricorrere anche alla dermoabrasione o alla crioterapia.